Pasque Veronesi

pasque veronesi 2

 

pizzati telenuovo 2Oggi a Verona ho assistito alla celebrazione delle Pasque Veronesi. In apparenza, per i numerosi turisti presenti, poteva sembrare una rievocazione storica per collezionare un bel souvenir fotografico. In realtà la commemorazione celebrata oggi ha un significato più profondo e anche contemporaneo. Le Pasque Veronesi del 1797, si legge su wikipedia, rappresentano la resistenza della cittadinanza veronese (ma in parallelo anche di molti altri paesi veneti nei giorni, mesi e anni successivi) contro l’oppressione francese che confiscava beni con una ingordigia mai subita nei secoli sotto la Serenissima. I veronesi si rivoltarono contro quel tricolore rosso, bianco e blu che non li rappresentava e che li voleva strizzare peggio di una colonia.

Oggi siamo di fronte ad un altro tricolore, figlio di quello francese, con il blu ingiallito fino a diventare verde, ma l’ingordigia fiscale che subiamo non è da meno. Se le nostre aziende sono in ginocchio per colpa della tassazione più elevata al mondo, se i nostri disoccupati sono ridotti alla povertà, se i nostri giovani emigrano, la risposta di questo tricolore è stata ancora più tasse, ancora più spremitura. Non è uno stato che ci rappresenta, non è uno stato che ha a cuore il benessere dei cittadini veneti. Lo si riconosce dal divario tra privilegi della classe politica italiana (tre volte la media europea) e lo stipendio netto medio veneto (il secondo più basso dell’Europa occidentale).

Oggi a Verona non c’è stata una rievocazione nostalgica, ma un esempio da seguire. Impariamo dalla nostra storia: i veneti hanno avuto la loro Repubblica per secoli e hanno resistito l’ingordigia tricolorita. Oggi dobbiamo fare altrettanto, non con gli schioppi ma con l’arma moderna del referendum. Bisogna dire NO al tricolore e lo spolpamento fiscale, la burocrazia, l’illegalità e l’ingiustizia che rappresenta, e bisogna dire SI alla nuova Repubblica Veneta sovrana e indipendente.

Lodovico Pizzati
Segretario – Indipendenza Veneta

15 risposte a “Pasque Veronesi”

    1. Da quanto afferma il giornale “L’Arena”, ben 20.000 persone hanno presenziato al colpo di mortaio delle Pasque Veronesi.. quale segnale d’avvio della straVerona: “dopo il tradizionale sparo di mortaio, seguito da quelli dei fucilieri delle Pasque Veronesi posizionati sopra i merli dei Portoni della Bra, il punto preciso della partenza”.
      Link:
      http://www.larena.it/stories/dalla_home/518774_straverona_da_record_20milaa_piedi_per_la_citt/
      Deve essere stato fantastico correre sotto le bandiere della Serenissima..
      ADRENALINA PURA!!!

      😀

      Matteo da Brescia

  1. Un rispettoso saluto da parte mia, anche al glorioso ed eminentemente rappresentativo, Reggimento Treviso.

    Assieme al Veneto Real, danno lustro e significato alla nostra immagina storica Serenissima.

    Bravi ragazzi !!! 🙂

  2. le Pasque Veronesi…ieri c’ero anch’io…gran bello spettacolo!.. il numero dei figuranti in divisa dei vari schieramenti e la regia delle mosse e degli spari mi ha stupito, e mi ha fatto pensare allo studio e all’impegno per la ricostruzione evocativa dei fatti tragici provocati dalla smania conquitatrice di Napoleone, che si pappo’ tutte le nostre regioni fino all’Istria e alla Dalmazia, anche col concorso sventurato di truppe emiliane diventate tricolorate che si unirono a lui in questa folle corsa devastatrice delle nostre città e il silenzio dell’allora decrepito Serenissimo Governo…
    Tutti quelli che erano parte attiva nella rappresentazione la storia la sanno, l’hanno approfondita e l’hanno riprodotta nei particolari, perfino nei costumi studiati e realizzati con massima cura…la gente che assisteva, turisti italiani e stranieri, per lo più non capiva ma sicuramente si interrogava e una volta a casa propria, andrà a cercarne il significato…
    Allora il grido delle popolazioni venete, l’invocazione di aiuto da Venezia rimase inascoltato…
    Oggi speriamo che non sia così. A Venezia non c’è più il Serenisimo Governo, ma un governo c’è… speriamo che non sia latente e muto come allora… che ascolti il grido che si alza dalla gente e dai tanti comuni veneti, e si scuota dal sonno…
    I Veneti vogliono risorgere, dimenticare i tricolori col verde o col blu che hanno sempre portato sventure… rivogliono la loro bandiera, guardano al gonfalone delle proprie città e in alto al Gonfalone di San Marco, vogliono ritornare padroni della loro terra: è la loro Patria, la terra degli avi, dei padri! non vogliono esser costretti ad abbandonare per cercare ancora raminghi in giro per il mondo dove far vivere i propri figli.
    Da Verona ho riportato sensazioni di tristezza e m’interrogavo…chissà Verona dove vuol andare…
    so certamente dove voglio andare io e i tanti veneti come me: verso una nuova Repubblica Veneta, libera, indipendete, che interpreta le nostre più profonde aspirazioni con saggezza e coraggio.
    Viva San Marco, par tera, par mar!!!
    Forza Indipendenza Veneta!

  3. Bisognaria sercàr qualcheduni che reciti la parte dei barnaboti e dei venesiani degeneri e coroti che se caghi in braghe durante la manifestasion.
    Bisonia farle ben le robe ciò -_-

    ara che fine miserabile che ghemo fato… me vien da pianxar ogni olta…

    1. Caro Francesco,
      risparmia le lacrime e pensa che non tutti hanno la fortuna di potersi definire Veneto.
      Sentirsi parte del Popolo Veneto deve essere per Te fonte di orgoglio e di gioia infinita.
      Ci sono cose che nessun imperatore francese, kaiser austriaco, re savoiardo o politico italiano potranno rubarTi: il Tuo passato e il Tuo destino.
      Se guardando la bandiera di San Marco senti nel Tuo cuore che un giorno la Serenissima Repubblica Veneta tornerà ad essere un esempio di Libertà e Giustizia per il mondo intero, allora dimmi: come puoi disperati?

      Tra pochi giorni la commissione Regionale dirà se il Referendum è fattibile.
      Resistiamo che la mèta è all’orizzonte: presto giungeremo insieme, mano nella mano, al grande traguardo!!!

      W la Repubblica Veneta!!!

      Matteo da Brescia

    2. Caro Francesco,

      Difficile che qualcuno di noi, sia disposto a impersonare i massoni e giacobini filofrancesi d’allora, che risiedevano nei territori Serenissimi.
      Anche se si tratta di finzione, personalmente mi sentirei male a dover impersonare le bande di soldataglia napoleonica, uniti a falsi, spergiuri e traditori cisalpini residenti nelle terre di San Marco .
      Bisognerebbe cercare gli eredi di quella gente, oppure incaricare qualche centralista tricolorato. Ce ne sono parecchi anche con nome Veneto.

      Il tricolore è una chiara derivazione della bandiera francese rivoluzionaria ( ha solo il verde al posto del blu e si dice che il verde sia il colore della massoneria, in quanto lo stesso Napoleone era massone ).

      Al tempo, il popolo Veneto soggiogato dai giacobini festanti ( collaborazionisti dei francesi ) ripeteva sarcasticamente questa strofa :
      ” Albaro sensa vesta – bareta sensa testa – libertà che no resta – quatro mincioni che fa festa ”
      ( albero privo di nobiltà – berretto giacobino demente – libertà perduta – quattro idioti che festeggiano ).

      Piccolo aneddoto :
      Per memoria di mia madre ( io nel merito ho ricordi molto vaghi ), da piccino dovevo interpretare ” il nano corso “, in una piccola recita di fine anno, organizzata dalle maestre dell’asilo.
      Mio nonno e suo fratello, non volevano assolutamente che interpretassi proprio ” chel delinquente de napoleon, che gà devastà la nostra famejia e copà la nostra gente “, ma le insegnanti non mi potevano destinare altra parte nella recita, per ragioni di tempi tecnici.
      A pochissimi giorni dalla rappresentazione, credo un paio, mi ammalo con un febbrone da cavallo.
      I miei si recano dalle maestre, per avvisarle della mia forzata indisponibilità.
      In fretta e in furia trovano un sostituto, che riprende alla meno peggio le mie battute di copione e gli viene adattato il mio costume di scena.
      La mattina dopo la recita, la febbre improvvisamente scompare e mi sentivo bene come di consuetudine, tanto che il giorno dopo mi portarono nuovamente all’asilo.

      Chissà, forse i miei antenati trucidati dalla soldataglia napoleonica, non volevano che proprio io, impersonassi il nemico mortale di generazioni di membri della nostra famiglia.

      A proposito invece di carabinieri.
      I carabinieri erano presenti anche nell’esercito della Serenissima, proprio come corpi dei carabinieri. I loro componenti erano estremamente selezionati sia sul piano fisico che morale e patriottico.
      La loro uniforme era composta da una casacca blu e calzoni al ginocchio a bande rosse laterali, con cappello tricorno. Armati di spada e pistola, assieme agli alabardieri, fungevano da corpo di sicurezza del doge e delle alte istituzioni venete.
      Esisteva poi un corpo dei carabinieri-dragoni dei territori oltremare, con una divisa su base rossa con foggia decisamente ” alla turca “.

  4. [url=https://www.evernote.com/shard/s224/sh/54035c06-a822-4610-8169-24f2c0646383/c02f8c2abf3015781c8eed2aa4abce62]where to order antabuse [/url]
    [url=https://www.evernote.com/shard/s224/sh/7650b7bf-87cc-45d9-8129-e6a3145cbf6e/b24bd3e1ef77a23c8ea34e0992584e18]buy aricept online [/url]
    [url=https://www.evernote.com/shard/s224/sh/31b24f8f-f8ce-48f1-ba18-2a29ce050518/6856daccb0ef70912456e80eea259cce]buy artane [/url]
    [url=https://www.evernote.com/shard/s224/sh/ab4a7195-65a6-4f99-9e31-f239b3fd1cbc/724068d51c9b04b561fc6b2f3a541587]buy dostinex com [/url]
    [url=https://www.evernote.com/shard/s224/sh/aab14860-2dcc-4773-8dde-d57787904c40/92375c0dfa7c8477355056f700df29f1]order eldepryl online [/url]
    [url=https://www.evernote.com/shard/s224/sh/d2de307c-ed48-403b-8cf3-56573eac72f1/d64a7c855d8b8134583e2b3e46296637]buy cheap exelon [/url]
    [url=https://www.evernote.com/shard/s224/sh/74725cf0-302c-4cad-88f1-61cb430b4dc8/4583a44625ae932abb1614063a609442]order kemadrin online [/url]
    [url=https://www.evernote.com/shard/s224/sh/860b0f61-0607-4ebc-b15a-43c6c5a69287/614a89bfef4c775bd2fcd014991b8271]buy parlodel uk [/url]
    [url=https://www.evernote.com/shard/s224/sh/13115469-53b7-4dfb-8a12-f8049f931f0a/39b233071cd0bb1e7793aadff001f70a]order requip online [/url]
    [url=https://www.evernote.com/shard/s224/sh/d045146c-2d05-4ca4-95fe-8ee2dddaa160/d69d1bc3eea6d5a482df24dd1ed24f57]cheap sinemet online [/url]

Lascia un commento