Autostrade gratis e pensioni minime a 1.000 euro con la nuova Repubblica Veneta


Il segretario di Indipendenza Veneta Lodovico Pizzati intervistato da Treviso 24 in merito ad alcuni effetti pratici dell’indipendenza del Veneto.

13 risposte a “Autostrade gratis e pensioni minime a 1.000 euro con la nuova Repubblica Veneta”

  1. potete scrivere le varie voce di spesa venete?
    esempio le autostrade epr quanto incidono ?

    se togliete anche i bolli auto… ritorneranno le auto di lusso, magari noleggiate allo stato estero italia 🙂

  2. Degli effetti pratici e positivi dell´indipendenza del Veneto sono persuaso al 200%. Ma sarei cauto prima di pubblicizzare quello che diceva Lodovico. Basta il 50% delle prospettive reali per entusiasmare e convincere i Veneti per votare il SÌ. Tutto quello che supererà il 50% entusiasmerà ancora di più i Veneti.

    1. …il problema è fargli arrivare la voce e far sì che non la prendano alla stregua delle promesse a cui ci hanno abituati gli ultimi governi italiani!.. ma se vedono in faccia le persone che sono alla testa della iniziativa referendaria, si renderebbero conto dell’affidabilità e delle reali prospettive che si stanno aprendo per il popolo veneto!

  3. Messaggi che devono passare:
    – tassazione più bassa per persone e imprese e quindi stipendi più alti
    – pensioni più alte
    – servizi efficienti come nei piccoli paesi ricchi (paesi Scandinavi, Austria, etc)
    – stato moderno e che funziona

  4. Pensioni minime (cioe’ di chi non ha mai o quasi mai versato contributi) a 1000 Euro. E a chi ha lavorato e versato contributi per 35 anni all’INPS italiana (ma non per sua scelta), quanto? Magari anche a lui solo 1000 Euro?

    1. pensioni minime… Marzia, non farne una questione aritmetica… è il diritto alla sopravvivenza che una società solidale è chiamata a tutelare! …a fronte delle ingiustizie macroscopiche che oggi lo stato perpetra con la storia dei diritti acquisiti di versamenti fasulli perchè sempre provenienti da fondi pubblici, cioè tasse dei cittadini!

Lascia un commento