La Regione Dolomiti autonoma solo con l’indipendenza veneta

cortina-d-ampezzo-2Ho partecipato all’incontro con il costituzionalista Daniele Trabucco al Miramonti Majestic di Cortina il 27 febbraio organizzato da Cortina Vacanza Oggi.
E’ stata un’ottima iniziativa di approfondimento su importanti temi, a me cari.

  • La proposta di creare una Regione Dolomiti è stata analizzata in molti dei suoi aspetti strutturali, dimostrando tuttavia vari punti di debolezza.
  • A cominciare dal nome, inadatto per accogliere tutte le comunità necessarie a darle un senso sociale, economico e costituzionale (almeno 1 milione di persone).
  • La differenza culturale e di aspettative che caratterizza tali comunità, ben descritta dalla Presidente delle comunità Ladine, Elsa Zardini
  • La sordità dell’interlocutore statale, che non ha dato bado ad iniziative passate, alcune estemporanee, ma alcune (vedi quella delle comunità ladine di Cortina, Colle e Livinallongo) molto ben strutturate
  • La definizione costituzionale italiana di Autodeterminazione, riconosciuta come il semplice diritto di dichiarare una propria posizione, ma nulla più
  • Il quesito con il quale il relatore ha chiuso la sua autorevole dissertazione: basterà la creazione della regione montana a risolvere i problemi economici delle popolazioni interessate colpite più di altre dalla crisi economica occidentale?

Sono confortato dal poter dare 5 risposte positive alle 5 criticità continuando a perseguire il progetto del PAB, ora confluito in quello di Indipendenza Veneta.
Attraverso un referendum popolare chiedere all’Europa di dare concretezza al diritto veneto all’autodeterminazione nella sua accezione internazionale (sancita dal trattato di New York del 1966) come Scozia, Catalogna, Groenlandia, Kosovo, Montenegro, etc.
La giusta autonomia del territorio montano bellunese organizzato in comunità di valle in un’unica vera Regione Dolomiti di una nazione Veneto, indipendente ed economicamente sana e virtuosa.
Le soluzioni ci sono, basta alzare lo sguardo e coglierle.

Massimo Vidori
Indipendenza Veneta – Belluno

15 risposte a “La Regione Dolomiti autonoma solo con l’indipendenza veneta”

  1. Come sono contenta di sentire che c’è qualcuno in Indipendenza Veneta che si batte perchè le Dolomiti rimangano le nostre montagne! lo furono dai tempi antichi gestite con saggezza attraverso le Regole dai Cadorini che poi all’inizio del ‘400 firmarono un atto di dedizione alla Serenissima; in massa emigrarono dopo l’annessione al regno d’Italia, che ci mandò il roboante Carducci, professore e poeta di corte, a farsi un giro per scrivere la sua ode, ovviamente a spese del regno… Il mio bisnonno, cacciatore di camosci, arrivò per primo in vetta all’Antelao, ma poi fece da guida ad uno scalatore inglese in cerca di gloria e il vanto ovviamente sugli annali internazionali dell’alpinismo divenne suo…
    Il Veneto indipendente, che sogno… sarebbe la Repubblica più bella del mondo!
    Passo passo, ci stiamo arrivando…

  2. Tutto vero…certo, però bisogna che gli amici bellunesi si sveglino dato che alle ultime elezioni in quei territori abbiamo portato a casa meno della media regionale…..se questo è l’interesse per il messaggio, che dovrebbe essere altissimo…ma forse non lo conoscevano….:-(

    1. Caro Mario,
      Indipendenza Veneta ha raggiunto i primi bellunesi durante la settimana delle elezioni.
      Non preoccuparti, i bellunesi (sono una ex “belumat”) sono ben svegli quando si tratta di autonomia e di conservazione del territorio! 😉

  3. Titolo: “LE DOLOMITI” Sottotitolo: “Le montagne più belle del Mondo”
    Ragazzi non ci manca niente ! Il Veneto è la regione (per il momento) con più turismo in Italia, abbiamo le montagne più belle, il mare, il lago di Garda che è una meraviglia, Venezia che è la più bella città del mondo, Verona e tutte le citta d’arte e medioevali della pedemontana.. Marostica, Bassano, Cittadella, Asolo, Possagno… abbiamo vini eccellenti e si mangia bene…. cavoli non ci manca niente… anzi si, una cosa ci manca… l’INDIPENDENZA ! e poi saremo il paese più bello del mondo !

  4. Non so Massimo di dove sei, ma ti assicuro di aver provato più volte a parlare con l’associazione BARD (Belluno autonoma regione dolomitica).
    Ho avuto diversi scambi di idee col presidente Broccon, ma mi sembra di parlare con il muro.
    Loro svolgono l’azione politica portando in palmo di mano l’italia e le sue istituzioni. Come se non bastasse sono tra i nostri detrattori peggiori dato che affermano che Venezia è il loro peggior nemico.
    Ora se questo lo dicesse un meridionale potrei capirlo, ma che lo dica un bellunese proprio non lo capisco.
    Stiamo parlando di una associazione che è riuscita a raccogliere 70.000 firme per promuovere il referendum : Belluno proviancia autonoma.
    Stiamo parlando quindi di una notevole potenza di fuoco che però ci ostacola. Da questo scaturisce anche da parte mia la convinzione che sul Bellunese le cose sino un po’ confuse e che il PAB abbia un sacco di lavoro da svolgere.
    Non mi resta che augurartelo di cuore: BUON LAVORO BELLUMAT

  5. Il PAB persegue con convinzione la via dell’indipendenza del Veneto dal 2008 e crediamo che ora i tempi siano maturi poichè l’interlocuzione con Indipendenza Veneta è autorevole.
    Sappiamo (per esperienza) che altre strade son più agevoli per raccogliere consenso.
    Le sirene cantano per tutti e solo il navigatore avveduto arriva in porto.
    Grazie a tutti per il sostegno.
    Masimo Vidori

  6. i bellunesi non sono refrattari a IV, semplicemente sono, nella stragrande maggioranza all’oscuro dell’esistenza del movimento,io sono arrivato a conoscerla attraverso internet, nessuna azione sul territorio.serve una azione di informazione e, penetrazione,attraverso vari canali,ad esempio una
    pagina su L’amico del popolo,giornale settimanale che entra in tutte le case (nasce oltre cento anni fa come bollettino parocchiale)una bella serata al centro giovanni XXII qualche uscita su teledolomiti
    ed il seme già gettato,(personalmente ho molto chiaccherato della cosa,e qualche voto è stato raccolto)germoglierà in maniera rigogliosa.
    Saluti a tutti
    W:SM

Lascia un commento