Indipendenza Veneta: il potenziale c’è, ora bisogna crescere

Il panorama di ingovernabilità dello stato italiano che esce da queste elezioni favorisce la nostra azione. Il presidente Cantarutti in diretta su Rete Veneta alle ore 21

logo-3Indipendenza Veneta accoglie con moderata soddisfazione i risultati del proprio esordio elettorale, considerando eccellenti le prestazioni in alcuni comuni e alla luce del nostro potenziale di conoscenza presso gli elettori che secondo il sondaggio effettuato da MPS Marketing a fine 2012 vedeva solo un terzo della popolazione veneta conoscere il movimento. Alla luce di tale considerazione, le elezioni politiche confermano un potenziale di crescita fino al 5-10%, che ora va reso realtà, sapendo che l’obiettivo è il 50% + 1 dei voti nel referendum per l’indipendenza del Veneto. Come avrà modo di ribadire anche il presidente di Indipendenza Veneta Luca Azzano Cantarutti in diretta questa sera dalle ore 21 su Rete Veneta a Focus, ora bisogna consolidare la conoscenza presso tutti i cittadini veneti di Indipendenza Veneta, movimento che fin dall’esordio si conferma l’unica forza indipendentista di rilievo del Veneto. Particolare interesse rivestono in particolare i risultati ottenuti in alcuni comuni del trevigiano, del vicentino e del padovano come Villa del Conte (10,64%),Vedelago (9,4%), Campo San Martino (8,35%), Curtarolo (5,11%), Resana (5%), Santa Giustina in Colle (4,53), Trissino (4,5%), Moriago della Battaglia (4,11%), Castelfranco Veneto (4,05%), Istrana (4,04%), Loreggia (4,04%), San Martino di Lupari (3,90%), Quinto di Treviso (3,73%), Camposampiero (3,62%), Zero Branco, (3,61%), Vighizzolo d’Este (3,58%), San Giorgio in Bosco (3,55%), Tombolo (3,54%), Giavera del Montello (3,32%), Volpago del Montello (3,28%), Loria (3,24%), Crocetta del Montello (3,23%), Altivole (3,16%), con una media per la provincia di Treviso che è superiore al 2%.
La prima analisi sulla base di tali risultati conferma che maggiore è stato il consenso dove Indipendenza Veneta ha organizzato serate con promozione adeguata. Ciò testimonia la forza del passaparola sul territorio nei confronti della comunicazione via web o televisiva locale, grazie al raggiungimento di un pubblico più profondo, nel quale il nostro movimento riscuote un gradimento maggiore.
Il nostro obiettivo resta l’ottenimento della maggioranza assoluta dei voti e pertanto il lavoro da fare è ancora tanto. Consideriamo questo un test statistico, dato che il campo di gioco non era il nostro. Per Indipendenza Veneta la partecipazione alle politiche è come una gara in trasferta con 3 ore di differenza di fuso orario e con il viaggio di trasferimento fatto in pullman. Da lunedì parte la nuova fase di attività del movimento con il pressing istituzionale nei confronti dei consiglieri regionali per l’approvazione del referendum di indipendenza del Veneto da tenersi il prossimo 6 ottobre 2013 e con la partecipazione alle elezioni amministrative del prossimo 26 e 27 maggio, in particolare per i comuni di Treviso e Vicenza.

Il panorama di ingovernabilità dello stato italiano che esce da queste elezioni favorisce la nostra azione, ora è il momento di essere ancora più incisivi, senza sconti per nessuno, fino all’indipendenza del Veneto.

Ufficio stampa
Indipendenza Veneta

59 risposte a “Indipendenza Veneta: il potenziale c’è, ora bisogna crescere”

    1. Grazie Roby,

      E’ un doppio complimento per noi, visto che so che hai votato e sostenuto VS.
      Quando mi riferisco a brave persone che conosco personalmente anche in VS, penso appunto a persone come te.
      Apprezzo le tue congratulazioni e ricambio con un abbraccio fraterno da veri Veneti.

      A presto.

      WSM

      CrisV 😉

  1. sinceramente speravo un pò di più come risultato numerico, ma mi rendo conto che, se togliamo i partiti su scala nazionale che hanno goduto di una ampissima visibilità sulle reti televisive, oltre ad una raffica di spot televisivi a pagamento, Indipendenza Veneta risulta essere il primo partito tra quelli su scala veneta. E’ comunque indubbio che dobbiamo rituffarci per fare ancora molto meglio.
    Roberto Roman di Padova

    1. Credi a me Roberto,

      Il lavoro eseguito dai nostri ragazzi è stato straordinario.
      Nonostante i numeri non sembrino premianti, il contesto racchiude invece un messaggio eccezionale, quello che i Veneti sembrano comprendere i suggerimenti del nostro movimento.

      Siamo nati solamente NOVE mesi fa e con i nostri quattro soldi, abbiamo i risultati in consensi, di partiti con una visibilità mediatica e un potere economico quasi illimitati.
      Possiamo andar ben fieri del nostro lavoro, visto che i nostri appuntamenti importanti saranno Treviso e Vicenza con le comunali e poi le varie regionali e amministrative.

      In pratica non abbiamo quasi chiesto il voto in queste elezioni, ce l’hanno fornito i Veneti sulla base del nostro eccezionale programma politico, delle nostre manifestazioni e raccolte firme.

      Vai fierissimo del risultato di IV.
      Siamo solamente agli inizi.
      Il bello deve ancora arrivare 😉

    2. la stragrande maggioranza dei veneti non conosce nè Indipendenza Veneta nè l’obiettivo che si propone e d’altra parte presentarsi a queste elezioni aveva come primo obiettivo quello di farsi conoscere, e i risultati si vedono: laddove si è presentata chi ha avuto modo modo di conoscerla l’ha sicuramente votata… e sono una bellissima conferma i risultati ottenuti.
      Chi oggi ha votato qualsiasi altro partito, a fronte del panorama così frantumato che ne è venuto fuori, sarà ancora più deciso a votare sì quando si andrà finalmente al referendum… miei amici che ho sentito e non hanno votato Indipendenza Veneta ritendo l’indipendenza un sogno, sicuramente allora voteranno sì.
      Complimenti a tutti, la battaglia è appena cominciata…

      1. BRAVA Katy,

        Due Veneti su tre, non ci conoscono.
        Il nostro bacino di lavoro e di implementazione è ENORME.

        Come giustamente hai detto : SIAMO SOLAMENTE ALL’INIZIO DELLA NOSTRA OPERA !!!

        1. Bisogna rendersi conto che ognuno doveva appoggiare il proprio partito.
          E’ vero che se IV prendeva oltre il 50% sarebbe già stata una dichiarazione di indipendenza, ma è altresì preoccupante per la gente finire in mano alla sinistra, perché, nonostante i disastri di Berlusconi e la lega, egli ha dimostrato di avere le idee chiare sul da farsi, almeno dal suo programma elettorale, mentre la sinistra pensava solo alle tasse come Monti, invece Silvio vuol dare soldi alla gente affinché circoli danaro, come fecero gli Stati Uniti.
          Ammise che lo stato italiano costa il 30% in più di quello tedesco, e non è poco, ed è da li che vuole recuperare danaro. Lo avesse fatto nel 2001 forse oggi saremmo messi un pò meglio. Ma la sinistra di risparmiare sulle spese statali non ne vuole sapere.
          Riguardo l’indipendenza, perfino Zaia è convinto che si vincerebbe alla grande qualora si facesse il referendum.

  2. speravo anchio un qualcosa in più, bisogna farsi conoscere, ma avere persone carismatiche è indispensabile, come l’ avvocato Morandin, prendiamo esempio da Grillo, ci ha messo l’ anima in tutte le piazze, cosi’ dobbiamo fare noi ,se vogliamo migliorare il nostro Veneto, coraggio siamo sulla buona strada.

    1. Un domani, in Veneto, saremo noi il fenomeno grillista della regione.

      E’ solo una questione di tempo, come l’ottenimento dell’Indipendenza.

      Adesso voglio sentire gli amici indipendentisti che hanno votato per grillo, cosa mi diranno quando s’accorgeranno che Grillo è italiano quanto, Napolitiano, Fini, Bersani o Casini.

      Grillo non concederà mai l’Indipendenza a nessuno anche se oggi è accreditato con ben 57 senatori e presumibilmente ( vedremo i dati finali ) circa 120-150 deputati.

  3. Bisogna anche tenere conto che secondo me anche molte persone che si sono avvicinate al nostro movimento hanno, vuoi perche ancora poco consapevoli vuoi per altri motivi , votato per Grillo su scala politica facendo un distinguo tra partiti su scala nazionale e IV
    cmq il rapporrto qualità prezzo (riferito alle possibilità economiche) direi che non trova eguali.
    I grillini avranno anche fatto gazzebo a costo zero come dicono ma la visibilità nazionale NON E’ CERTO MANCATA!!! Come non è mancata a Ingroia e noi abbiamo fatto meglio se non sbaglio…

  4. Buonasera a tutti! Mi chiamo Raffaele e vi invio questo commento da Cappelletta di Noale, in provincia di Venezia. Mi rifaccio al commento di CRISVI, delle 18:48: “il bello deve ancora venire”… Personalmente, spero arrivi presto, perchè non so quanto potremo andare avanti così, in questo stato pietoso…

    1. Presumo il tuo riferimento sia indirizzato ai partiti italiani, perchè Indipendenza Veneta, reputa il suo risultato odierno decisamente positivo, come mai l’indipendentismo veneto ha concretizzato in passato.

      Mi preoccuperei molto di più se dovessi analizzare i dati di VS. Inferiori ai numeri che faceva il vecchio PNV senza I VENETI.

      CrisV 🙂

  5. Il fatto è che la gente che votava Lega Nord e che l’ha abbandonata giustamente disgustata ha purtroppo votato Grillo e non ha preso in considerazione l’indipendentismo.

  6. bellissimo risultato e questa sera siamo 40 sulla rete
    dobbiamo lavorare perchè sulla rete , la sera dopo il lavoro, ci sia sempre più gente che segue il movimento.

  7. questo giro dovevamo mandarne a casa il più possibile, da domani si inizia a lavorare per il veneto!
    da ex-leghista, credetemi IV ha un potenziale enorme, sarebbe cosa buona e giusta non frazionarsi però, comunque I VENETI DEVONO INIZIARE A RAGIONARE CON VISIONE, NON SOLO DI PANCIA. Ragazzi abbiamo bisogno di Voi!
    wsm
    alex75

  8. Peccato anche per quelle migliaia e migliaia di voti per la Liga Veneta, secondo me se quelle persone fossero state informate su cosa ha fatto IV in questi 9 mesi, avrebbe sicuramente cambiato idea… Questo è solo l’inizio comunque, avanti tutta verso l’indipendenza!

  9. Mi sembra che i numeri che confermano un buon lavoro, ci siano tutti.
    Ragazzi, Grillo sono anni che si presenta con un blog gettonatissimo, sono anni che concorre con i suoi M5S ed è veramente esploso a livello di consensi solamente oggi, grazie al voto di protesta.

    Noi esploderemo in termini di preferenze, nelle prossime occasioni elettorali.
    Abbiamo circa 30.000 voti al Senato, vi pare poco ?
    Trentamila voti creati dal nulla, grazie alla lungimiranza di 400 fondatori ( + 1 virtuale 😉 ) e grazie soprattutto al lavoro di tanti militanti e di altrettanti sostenitori, che tanto si sono adoperati, per rendere IV sempre più numerosa.
    Convincere un elettore a cambiare il partito che ha votato per anni, non è come raccogliere una nocciolina da un campo.

    SENATO : Ultimo aggiornamento: 25 febbraio 2013 ore 22:20
    4.655 sezioni su 4.724

    Indipendenza Veneta 29.380 voti 1,1%
    Liga Veneta Repubblica 20.099 voti 0,7%
    Veneto Stato 8.847 voti 0,3%

    VI RENDETE CONTO, OPPURE NO, CHE DA SOLA, IN SOLI NOVE MESI DALLA SUA FONDAZIONE, INDIPENDENZA VENETA, FA PIU’ DI TUTTI I VOTI DEI RIMANENTI INDIPENDENTISTI E DI TUTTI GLI AUTONOMISTI SOMMATI ?

    Vi pare poco ? Siamo solamente all’inizio.
    Alle regionali gli elettori non voteranno con tanto entusiasmo Grillo e gli altri partiti romani.

    Ad Maiora

    CrisV 🙂

    1. Ottimo e convincente riassunto Crisvi.
      Grillo è da molti anni che fa politica di piazza.Si era addirittura iscritto al PD,con migliaia di suoi simpatizzanti grillini all’epoca della fondazione del PD con Prodi presidente.Anch’io vedo dati di successo pieno nei numeri di IV.In pochi mesi ha superato tutto quello che l’indipendentismo e l’autonomismo hanno creato in decenni di loro opere e inziative.La lega non la conto perchè ha solo promesso senza mai mantenere nè secessione; nè federalismo; nè autonomia; nè nulla di nulla.

  10. INDIPENDENZA VENETA ,LIGA VENETA E VENETO STATO…sono tutti movimenti indipendentisti che lottano per un unico obiettivo e danno il loro contributo per diffondere l’uscita del Veneto dall’Italia…quindi tanto meglio

    1. Liga Veneta mi risulta autonomista e non indipendentista.

      Io dell’autonomia, non voglio neppure sentire parlarne, specie avendo la possibilità di diventare indipendente.

  11. Purtroppo molti veneti non hanno capito, non hanno voluto capire e conoscere IV. Se si cominciasse a pensar veneto pitosto che pensare talian (go cambià aposta el modo de scrivare), magari ghe saria stà qualche voto in più. Ben, passiensa (ma no tanta): sercaremo de farghe capire che no semo nè lega (come che qualcun me ga dito, e dopo stropandose naso e oci ga votà Grillo) nè Veneto Stato. Vanti, dai che ghe a femo!!!
    WSM sempre.

    1. Se non sei Veneto, sicuramente non da te, se invece sei Veneto dimmi che ti piace continuare a farti spremere come è successo finora. Scusa se ti rispondo così, ma se ti guardi bene il sito di IV capisci da solo dove vogliamo andare, anche con l’1%. Per carità, non prenderlo come un fatto personale, prendila, per carità, come una sana e legittima alternativa allo scempio Italia. Senza rancore.

    2. Tu Tony,

      Hai la classica testa, di uno di quelli che ha votato Fini per anni e neppure oggi si rassegna a vedere il proprio leader dei rinnegati, che non entra neppure con la propria poltrona alla Camera.

      Da Presidente della Camera a signor nessuno
      Letteralmente : dalle stelle alle stalle !
      Le stalle, luoghi che quelli come te sono avvezzi a frequentare. ! 😀

    3. Mi tony non te digo ke te si on boaro o on animale da stala ma rispetandote come persona, te digo solo ke te ste sbagliando punto di valutasion de la roba in question. Te invito a aprofondire l’argomento magari discutendo con altri ke magari i pole sciararte le idee in proposito e son sicuro che te capirè mejo e te serè uno in pì che ne darà el voto e che laorarà par noaltri. cio tony. WSM

  12. sommando i voti ottenuti dai tre partiti veneti (I.V+V.S.+ L.V.) arriviamo a 60.000 preferenze…Futuro e Libertà ne ha fatti 150.000 in tutta italia.
    Buon vento Indipendenza

  13. Dei Tosi xe na Caporetto! basta ndar vedare i risultati sol sito del ministero dei interni ! parsin i fratelli d’itaglia ga ciapà pi voti! parsin ingroia! Tosi senteve intorno a un tavoeo e fasì na bea ciacolada.
    Ma dire che xe un suceso…dei basta schersar.

    1. Ti Bepi,
      te ghene capirè de vache e moltoni, ma de politca, te ghin capisi manco del me canarin.

      Va a sfogarte co quei de VS, se te voi trovare i veri perdenti de sta competision.

      1. Mi no so drio sfogarme ! me despiase invese! digo soeo che ga ciapà pi voti! Fermare el declino e Ingroia e parsin un partitin insulso come Fratelli d’Italia….insoma xe na disfatta tosi poche ciacoe! ma sti 60% de veneti che voe l’indipendensa indove zei? zei ndà votare? Ghe xe do partiti indipendentisti e anca se somemo i voti el risultà el xe ininfluente. Iera mejo che no partecipava a ste elessione come par tanto tempo xe sta ditò sia da Vs che da IV. Me despiase ma l’indipendensa a rimane un sogno, beo, ma irrealizzabile. Forse bisognaria cambiar strategia e vardar pi in la. Vardar intel muso a realtà no xe na bruta roba, o xe fare el contrario.
        Se sbaglia, se capise e se riparte.

          1. Caro Bepi, quei che ga ciapà de pi voti xe tuti partiti che ponta a Roma. Nialtri ghemo na idea difarente. Bisogna credarghe se te voi rivare al traguardo, bisogna corare, movarse. Tanti no conosse IV e magari i ga votà altri partiti (no serve che fassa nomi) pa protesta, ma te garantisso che tanti de questi i saria contenti de essare indipendenti. Bisogna iutarli a versare i oci so un percorso che se poe fare, che poe deventare realtà. Basta che no semo nialtri i primi a tirare indrio!

          2. Comunque varda ben … ze stai passai parecchi partiti che gode de schei pubblici e che ze da 30 anni che te li trovi a insegnarte a vivar ! fratelli d’italia gà tutta na serie de associasion che ga beneficià de clientee da drio e no me par che el sia tanto pi vanti , gnanca giannino o vendola ze tanto pi vanti , ingroia anca pezo , el dato da vardar ze che dove ghe ze ativisti de IV i numeri parla dal 4% al 10,35% , che sia poco o tanto se vedarà quando sarà ora de imporghe al consiglio regionae de votar pa a legge Referendaria . Bepi … va tranquio l’indipendensa no la fen co i piagnistei e le recriminasion , la fen parchè da drio a IV ghe ze zente co le bàe, l’italia ze condannà , ringrasia che ghe sia qualcun co le idee ciare in veneto !

        1. A go capio ma no giustifica sta miseria de voti pa l’indipendensa, anca sommando tutti i indipendentisti se riva pena 50.000 (o xo de la) insoma dove xe sti veneti che voe l’indipendensa? i numari xe sempre quei ghe xe sta qualche miglioramento ma a situassion no xe sto gran che dai. Despiase ma me par che semo sempre la, no capiso parchè un veneto gabia da votar un partito indipendentista pitosto che nantro (a ghe iera 3 simboi diversi ).

          1. Bepi, voglio ricordarti una frase di Berlusconi che da sempre, prima di sentirla da lui è sempre stata mia. NON HO MAI VISTO UN PESSIMISTA VINCENTE.
            Sempre avanti fino alla vittoria!

  14. Adesso e’ il momento di unire tutte le forze presenti nel territorio che hanno come obiettivo lo strappo da Roma. La Liga e la stessa Lega sono uscite malconce dalla tornata… Secondo me marciare divisi non premia mai. Bisogna far incontrare tutte le sigle autonomiste e indipendentiste intorno a un tavolo, programmare un lavoro comune, discutere TUTTI INSIEME quale sia la via più adatta da seguire per raggiungere l’ unico traguardo desiderato : via da Roma…Se autonomia o indipendenza lo decideranno insieme, l’importante e’ marciare uniti. Zaia per primo dovrebbe capirlo. Sono una sognatrice ingenua? Forse… pero’ fino a quest’ oggi non vedo grandi risultati . Ciao a tutti.

  15. Dobbiamo lottare fino a quando riusciremo ad ottenere il nostro obbiettivo…non sara’ semplice ma dobbiamo assolutamente far capire ai veneti che questa e’ l’unica possibilita’ per avere un futuro..aspetto con ansia e attesa il 6 ottobre…

  16. Scusatemi se faccio una analisi politica fuori dal nostro ambiente indipendentista.
    Secondo moltissimi ci sono due grandi vincenti in queste elezioni e hanno nome e cognome:Beppe Grillo e Silvio Berlusconi.Il primo ha un consenso enorme e insperato.Il secondo con il suo carisma e le sue astuzie politiche ha ribaltato una situazione che sembrava una tomba predestinata per PDL+Lega.
    Ci sono anche dei perdenti.La prima è l’antica partitocrazia che viene sconfitta ovunque.I secondi sono una Lega distrutta e Bersani.Se mi chiamassi Bersani mi metterei di fronte allo specchio e prendendomi a sberle in faccia mi direi:STUPIDO, STUPIDO, STUPIDO.Aveva la vittoria in mano e ne ha combinata una peggio di Bertoldo specie quando ha estromesso dal posto di comando Renzi.Renzi avrebbe vinto dove lui ha fallito.

    1. Il vecchio comunista non voleva mollare il comando; poi avendo la testa come la nostra connazionale traditrice Puppato………..
      Berlusconi, dispiace dirlo,ma ha le idee chiare ed il suo programma è molto valido; avrebbe dovuto applicarlo dal 2001 al 2006.
      Puo’ darsi che ora che semo ale ase faccia sul serio perchè se va male l’italia andrà male anche la mediaset.

  17. qualcuno ha paragonato i veneti come i porcospini. quando fa freddo si avvicinano ma non troppo altrimenti si pungono…. Io sono nella lista di Veneto Stato (ho conosciuto prima loro) e sono totalmente favorevole all’indipendenza. Per me comunque queste elezioni sono da vedere come un bicchiere mezzo pieno (soprattutto per IV e LV) ed è per questo che concordo con il “ora bisogna crescere”. Come leggo dai vostri commenti, avete lo stesso nostro problema, quello di farci conoscere. Mi permetto di suggerire ai vertici di questi tre partiti/movimenti di continuare le proprie strategie, ma di organizzarsi per fare qualche evento comune (vedi Catalogna). bravi tutti. WSM

    1. Liga Veneta? ;-)))
      Sai chi è il segretario di liga veneta? TOSI! Leggi: lista civetta della lega nord.

      Poi c’è la liga veneta repubblica (quella col gonfalôn su fondo azzurro) che sono quasi vent’anni che c’è il loro simbolo sulle schede elettorali, ma io non li ho mai, dico -MAI-, visti a niùna manifestazione indipendentista o affini. A dirla tutta non ho mai visto esseri viventi in carne & ossa rappresentanti di questo partito.

      Gli unici “presentabili” sarebbero quelli di veneto stato, gli stessi che ci hanno cacciato durante la famigerata riunione del Viest.

      A questo punto meglio soli che mal accompagnati. Anche considerando che,anche solo accostare indipendenza veneta ad una organizzazione diciamo non completamente cristallina come quella di VS, per giunta col loro risultato elettorale miserrimo…
      Mi sembra un volersi Tafazziare le pudenda.
      Oramai li conoscono anche in quel di Scozia; ahimè non in termini lusighieri.

  18. SECONDO ME IL PROBLEMA VOSTRO È CHE VI CONOSCONO IN POCHI, DOVETE AUMENTARE LA PUBBLICITÀ SU TUTTO IL VENETO, FARVI CONOSCERE DI PIÙ, …..MA TANTO DI PIÙ…. COMUNQUE COMPLIMENTI!!

  19. Sono fermamente convinto che se tutto il veneto fosse a conoscenza di iv e del suo obbiettivo la risposta alle elezioni saria sta completamente diversa, secondo mi tutti quelli che ga abbandona’ la lega i ga vota’ grillo questo perch e’ non conoscono iv, c’e’ ancora molto lavoro da fare e spero di poter fare anch io la me parte! Rimbocchiamoci tutti le maniche e non perdiamoci d animo!! WSM!!!

  20. Signori, il risultato è abbastanza positivo ma niente per cui valga la pena festeggiare.

    La prima cosa che suggerirei di fare è eliminare il pluripartitismo.
    Ma vi pare che ci siano 3 formazioni politiche che parlano di autonomismo in Veneto? Allineatevi, scornatevi, discutetene, ma venitene fuori con un unico simbolo, un’unica voce…è l’unica via.

    Sorridevo a vedere la diaspora di voti in 3 loghi…mi sembra così evidente.
    Volete essere la vera alternativa al leghismo? Iniziate unendovi…c’è una grossa opportunità, moltissimi dei voti che Grillo ha preso erano dettati da disperazione, ascoltate quelle voci.

    1. no, Daniele, non bisogna perder tempo a convincere chi se ne sta per conto suo perchè un po’ alla volta si ravvederanno da soli … invece bisogna prendere la rincorsa ora che è evidente a tutti, compresi i leghisti, lo sfascio di Roma! pensa l’effetto che farebbe se apparisse sulla stampa: il Consiglio Regionale Veneto delibera sul referendum per l’indipendenza!
      Da fare subito… avrebbe un risultato grillino senz’altra pubblicità…

  21. daniele approvo ciò che hai detto. Mi ha rattristato moltissimo vedere 3 simboli di movimenti indipendentisti..è uno sperpero di voti! Non vi interessa niente andare a Roma ma vi devono interessare i voti perché con i voti quindi con i numeri si ha visibilità.
    VI PREGO UNITEVI!!!!
    Dovete e dobbiamo avere un unico scopo: raggiungere l’INDIPENDENZA

    Par tera, par mare: San Marco

  22. Condivido chi parla di unire, o almeno un confronto diretto, con tutti i movimenti indipendentisti. Chi ci denigra solo guardando ai numeri, beh, direi che vadano a vedere i dati economici (quelli sono numeri ben più importanti):
    a. Veneto in Italia: residuo fiscale -4000 euro a testa (compresi bambini ed anziani)
    b. Veneto indipendente: con residuo fiscale e tassazione attuale +4000 euro a testa (in una famiglia di 4 persone fanno 16000 euro all’anno)
    Le ciacole ed i sorrisini sarcastici di certi personaggi, fanno solo pena. Lor signori, me lo dicano concretamente, sono contenti farsi portare via 16000 euro a famiglia all’anno dallo Stato italiano? Dai, ditemi che siete fieri di essere italiani, ma io vi dico, siete degli utili idioti a qualcuno, cioè italioti, appunto.
    Il Veneto sarà libero.
    WSM

  23. Io mi auguro che quelli di VS abbiano la decenza di sciogliere il partito.
    Anzi, più che augurarmelo, me lo sogno di notte!
    E’ chiaro che non avverrà mai un sodalizio, neanche momentaneo, basta guardare come si esprimono quelli di VS, non c’è verso.
    VS cerca di sabotare con ogni insulto e sprezzamento quello che fa IV, mentre IV fa finta che VS non esista e li ignora completamente.
    Essendo VS palesemente inferiore a IV, sebbene non sia “il nemico” o “un branco di incapaci” o “disonesti italiani”… spero che abdichino, poiché la distanza è enorme, in modo che i sostenitori al progetto indipendentista si coalizzino.
    Il movimento unitario si farà solo quando uno dei due partiti si eclisserà.

    Per il resto, non condivido l’ottimismo generale, queste elezioni non hanno cambiano nulla. Piccola conferma, al posto degli azzardati sondaggi che non valgono nulla.
    Ma la strada è ben lunga.
    Sostengo che il gioco duro inizierà quando arriverà LA FAME in veneto, fidatevi, arriverà, e se i veneti/italioti continueranno a fare gli zombie tricolorati, allora sarà la fine.
    Purtroppo è fantapolitica.

    1. Ogni realtà sia sociale che politica, sia comunale ke regionale oltrechè nazionale ha la sua quota parte di ignoranti.
      Bene fa IV ignorare, con grande dimostrazione di intelligenza, la quota parte di ignoranza costituita dagli altri movimenti indipendentisti che non vogliono e non intendo abdicare e unirsi al corteo che si snoda sulla strada maestra.
      Bene fa IV a non dare corso a scontri confronti e rivalità politiche e di movimento, alla moda della politca italiana, che minerebbero la nostra credibilità e chiarezza di idee e di intenti, accomunandoci a quanto sin qui per 40 anni abbiamo visto e vissuto nei vari avvicendamenti della politica italiana
      Personalmente…preferisco discutere rapportarmi e confrontarmi e, se occorre, scontrarmi con 100 intelligenti ke non con un solo ignorante.
      Ciò detto, non auspico davvero l’avvento di una coalizione con altri indipendestisti come qui prospettata dai vari commenti, poichè, a traguardo raggiunto, costituirebbero elemento di disturbo e produrrebbero inevitabilmente una difficile e contrastata governabilità della prossima futura nuova repubblica veneta, vittime di rancori e di rivalità …storiche…mancando loro il senso e il sentimento dell’umiltà, ampiamente sin qui dimostrato.
      Sarà il popolo chiamato ad esprimersi che li isolerà definitivamente
      Questo secondo il mio intendere e credere nella verità delle cose…
      avanti così IV, la ragione vincerà sull’ignavia! WSM..

    2. Ciao Francesco,

      Il deludente risultato di questi scrutini, ha causato ancora più problemi in seno a VS.
      Ne ho avuto notizia proprio stamane, da un loro simpatizzante di lungo corso.
      In pratica raccolgono 8.900 voti al Senato contro i nostri 29.696.
      Sommano 11.378 voti alla Camera, contro i nostri 33.274.
      Per loro la sconfitta è decisamente amara e la delusione è palpabile.

      Le loro previsoni erano esattamente capovolte, ma il destino li ha causticamente puniti.
      I nostri manifesti regolarmente affissi e staccati vigliaccamente da mani ” ignote “, hanno chiamato vendetta, che puntualmente è giunta.

      Chi chiede reunion è avvertito, noi proseguiremo lungo la strada maestra del consenso e non intendiamo farci carico di zavorre, o affidarci a ruote di scorta bucate.

      Abbiate fiducia in noi. Ritengo che in pochi mesi, IV abbia costruito un risultato inequivocabilmente valido.
      Chi non concorda, può proseguire per altre strade, noi abbisognamo di gente fiduciosa, collaborativa, impegnata ed entusiasta.
      Pesi morti e disfattisti, non ci interessano !!!
      Preferiamo correre da soli, che trascinarci moribondi sulle spalle, con il rischio di venire trafitti dal fuoco avverso, per eccesso di zelo.

      Ad maiora

      CrisV 🙂

      1. Buongiorno a tutti, premesso che io sono del movimento di VS da poco tempo, questa mattina ho inviato un post per congratularmi del buon risultato che avete ottenuto, aspicando di fare qualcosa insieme tra tutti i partiti indipendentisti (vedi Catalogna). leggendo i vari commenti mi sono reso conto che non conoscendo i trascorsi dei due movimenti forse la cosa è stata presa in modo sbagliato. io comunque rimango un indipendentista convinto ed estremo, quindi voglio avere uno Stato Veneto sovrano ed essere un libero cittadino Veneto, non certo voglio vivere in uno Stato Veneto sovrano sotto una dittatura. io sono sceso in campo per dare un futuro migliore alla generazione futura l’etichetta IV, VS o LV serve solamente a raggiungere l’obiettivo e poi tornarmene al mio lavoro. non sono un “caregaro” e mi auguro che molti indipendentisti non lo siano.

  24. Tegnù conto de tuto, par mi, el risultato el sia pi ke bon! Vojo ringrasiar tuti quei ke se ga inpegnà a fondo e se ga sacrifegà par picar i carte£oni, par £e manifestasion ecc. e prima de tuto i nostri leaders e kel’ Omo benedeto de Alessio Morosin.
    Mi son idependetista convinto senpre de pi. Romai el stato talian me fa gomitar anka £e paste de £a prima comunion!
    Xe ciaro come el sol ke nol ga pi speransa: vedarì purtropo come ke i se magnarà i pori grillini.
    A propoxito, vardé ke Grillo el me ga tentà anka mi, parkè el dixe robe sacrosante e ghe riconoso £a bona fede.
    A penso ke sia sta difisie par tanti ke pur desidararia un Veneto independente, dirghe de no a sta ultima speransa de cambiamento. Mi spiego cusita el nostro, pur bonisimo, rexultato.
    Vedarè ke quando sarà £a ora de votar par el referendum i Veneti savarà cosa far!
    Intanto no ghemo da stracarse a informarli so £a so Storia e so £e tremende injustisie ke i ga patio e ke i cointinoa a patir.
    Par coanto revarda i altri movimenti independentisti; anka a mi me ga fato mal £a divixion. No go mancà de denunsiarlo tante volte anca a voxe ai nostri Leaders. Go partesipà a£e manifestasion de Verona e de Trevixo par el £ora Veneto Stato e dopo £a divixion son sta un mucio indesixo se iscriverme a VS o a IV.
    A£a fin go capio – e anka i rexultai me £o conferma – ke so£o IV £a ga speransa, par £a coerensa dei so dirijenti e mi£itanti, de portarne al gran obietivo de £a INDEPENDENZA unica speransa ke ne resta a tuti noaltri Veneti.
    Xe par coesto ke a Venesia a£a gran manifestasion me go notà a IV. A£ora senpre vanti toxi e toxe! Ghemo el gran dover de farghe conoser a tuti i Veneti el nostro gran Ideal!
    VIVA INDEPENDENSA! VIVA SAN MARCO!

Lascia un commento