Viva l’Indipendenza Veneta e Viva l’Indipendenza Catalana!

Quest’anno ho fatto un viaggio fortunato.
Senza programmarlo sono stata a Barcellona durante la giornata in cui si festeggia la Nazione Catalana. E’ l’11 settembre. Durante questo giorno tutte le attività produttive si fermano e si festeggia la Catalunya.
Già qualche giorno primo le bandiere gialle e rosse si sono moltiplicate alle finestre. Nelle pasticcerie vendevano dolci a righe gialle e rosse e ovunque si potevano acquistare gadget dedicati all’orgoglio catalano. L’11 settembre alle 8 di mattina è iniziata l’invasione di catalani con bandiere sulle spalle, magliette, cappelli e spillette catalane. Una vera festa.
Ho avuto occasione di discutere con attivisti catalani ai loro banchetti qualche giorno prima e, grazie al loro invito, di partecipare a una fiaccolata da sera del 10 settembre con comizio finale di politici catalani di differenti partiti indipendentisti. I politici catalani hanno parlato con forza difronte a migliaia di persone. Si sono dimostrati politici professionisti che rispondono a quanto vuole il popolo Catalano. I ragionamenti e le motivazioni politiche proposti sono molto simili a quelli nostri.
Questa serata è stato un momento per me di confronto con quanto stiamo facendo in Veneto e cosa possiamo fare per accelerare.
La differenza evidente con noi sta nel fatto che hanno raggiunto con il loro messaggio tutti i catalani e una parte del popolo è già dalla loro. La loro azione parte da più lontano della nostra e le loro richieste sono ben note anche internazionalmente. Credo che se in Veneto avessimo tanta gente radunata in piazza ci sentiremmo a pochi giorni dalla dichiarazione dell’indipendenza. L’11 di settembre 2012 hanno manifestato 2 milioni di Catalani, 1,5 milioni secondo le forze dell’ordine (su 7,3 milioni di abitanti in Catalunya). Nonostante questo il percorso per l’indipendenza non è ancora insicuro. I politici indipendentisti propongono il 2014 come anno per il referendum per l’autodeterminazione, ma istituzionalmente la Catalunyua è governata da un leader, Artur Mas del CiU, che preferisce trattare con Madrid per avere concessioni e maggiori ambiti di autonomia.
Il percorso politico che stanno facendo i Veneti per certi versi è simile. La maturità politica di Indipendenza Veneta non è lontana dai politici Catalani. Il quadro governativo e legale è simile. Un fatto mi da forza: i Veneti sanno andare veloci e decisi verso un bene collettivo più alto. Tra poco i Veneti saranno consapevoli che l’indipendenza del Veneto è l’unico progetto politico che ci consegnerà un futuro radioso.

Alessia Bellon
Indipendenza Veneta
– Treviso

 

Una risposta a “Viva l’Indipendenza Veneta e Viva l’Indipendenza Catalana!”

  1. Quando sono andato a Barcellona, ho comperato anche una bandiera catalana, che conservo assieme ai miei due gonfaloni.

    Essa mi ricorda, quanto il successo indipendendentista catalano, sia più avanzato di quello dei Venetisti.

    Impariamo da loro.

Lascia un commento