Valdagno, Paolo Luca Bernardini illustra le ragioni storiche all’Indipendenza Veneta


paolo_bernardini_2_websiteValdagno, 6 dicembre 2012. Il prof. Paolo Luca Bernardini illustra le ragioni storiche all’indipendenza veneta.

5 risposte a “Valdagno, Paolo Luca Bernardini illustra le ragioni storiche all’Indipendenza Veneta”

  1. Ascolto sempre con grande interesse gli interventi del Prof. Bernardini e credo che la sua presenza sia motivo di orgoglio per il nostro movimento. I programmi scolastici non danno la dovuta importanza alla storia della Repubblica di Venezia, al punto che noi veneti non conosciamo le nostre origini. E’ curioso notare che tutti abbiamo imparato a memoria i nomi dei colli o dei re di Roma, ma quasi nessun veneto sa cos’e’ il buncintoro, o perche’ sul gonfalone di Venezia c’e’ un leone alato. Ascoltare la nostra vera storia senza censure, e’ come bere da una fresca fontana dopo un lungo cammino sotto il sole. Grazie Prof. Bernardini.

  2. Ringrazio il Prof. Bernardini per l’interessantissimo approfondimento storico, soprattutto per aver ricordato il ruolo della mia città nella Repubblica di Venezia!
    Grazie, grazie, grazie!

    Matteo da Brescia

  3. C’è poco da scrivere : Grande persona di somma cultura e umanità, il caro prof. Bernardini.

    Sono contentissimo che faccia parte della squadra di garanti, proposta alla commissione regionale, che valuterà la risoluzione 44 di IV.

  4. Secondo me questi discorsi sulla Serenissima lasciano il tempo che trovano….Basterebbe ricordare che i Veneti sono un popolo, che esiste dal tempo degli antichi greci, che ha avuto un proprio stato per 1000 anni, che ha una lingua e cultura propria e che è stato annesso illegittimamente dall’Italia. Punto. parlare del buon governo della Serenissima secondo me è poco convincente perchè è qualcosa che non tornerà più. Semplicemente si sarà uno stato veneto in Europa, piccolo come buona parte dei paesi ricchi europei (Norvegia, Danimarca, etc). Il binomio ricchezza-piccola dimensione andrebbe sempre ricordato…

Lascia un commento