Lunedì sera tutti in piazza a Treviso

Migliaia di veneti firmano la Risoluzione di Indipendenza Veneta

Domani sera, lunedì 8 ottobre, a Quinta Colonna su Rete 4 verrà trasmesso il servizio televisivo del nostro grandissimo evento di sabato 6 ottobre a Venezia. Durante la trasmissione ci sarà anche un collegamento in diretta da Piazza dei Signori a Treviso dove parleranno un paio di imprenditori e lavoratori sulla crisi e sulla necessità di ottenere l’Indipendenza Veneta il più presto possibile, proprio perché… no se pol far de manco.

E’ importantissimo far sentire la presenza di Indipendenza Veneta, e perciò invito tutti a portare le nostre bandiere dalle 20.30 in poi. Continuare sulla scia del successo di sabato ci servirà anche ad aumentare la pressione sul Consiglio Regionale del Veneto in una settimana molto cruciale.
Molti di voi durante la splendida giornata sul Canal Grande mi avete domandato i prossimi passi necessari verso l’ottenimento di un referendum per l’Indipendenza Veneta.
Domani il Consiglio Regionale riapre, e verranno consegnate le ulteriori firme raccolte dopo la consegna ufficiale di fronte a telecamere e stampa. La nostra risoluzione verrà protocollata per essere ufficialmente discussa, e verrà deciso il giorno che il Consiglio Regionale affronterà la questione del referendum per l’Indipendenza Veneta.
Secondo le mie aspettative questa data verrà fissata entro il mese di ottobre, e questo ci darà il tempo di creare il più ampio consenso possibile. Abbiamo già diversi consiglieri che ci hanno confermato la loro disponibilità a discutere e ad approvare la nostra risoluzione, ma sono convinto che con l’opportunità di spiegare il buonsenso di questa nostra proposta molti altri consiglieri regionali la troveranno condivisibile.
Queste sono le nostre aspettative per il mese di ottobre. Più presto di così non si può fare, ma la situazione economica in Veneto è critica e il Consiglio Regionale è consapevole che, come organo politico, devono dare delle risposte e intrapprendere un percorso concreto. Un percorso che è completamente nelle loro mani, un percorso indipendente da Roma.

Ci vediamo domani sera alle 20.30 in Piazza dei Signori a Treviso.

Lodovico Pizzati
Segretario – Indipendenza Veneta

21 risposte a “Lunedì sera tutti in piazza a Treviso”

  1. Bisognerebbe vi assicuraste per tempo della presenza di almeno la gran parte degli iscritti, magari organizzando dei punti di raccolta e dei trasporti. In bocca al lupo!

  2. Fate attenzione! ai giornalisti in studio non interessa conoscere le nostre ragioni, ma vorranno sicuramente farci passare per ricchi egoisti, evasori e razzisti. Fate attenzione!

  3. aahhh!
    fioi, ve se drìo xugar tuta la credibilità su rete4 mediaset.
    morosin dove ti te ga perso?!
    maria, dove xe finìo IV?
    canbiè tatica in presa!!!

  4. Mi sento di lasciare un commento per tutti qui riguardo la trasmissione perché è una riflessione che non richiede un articolo.
    Nel complesso non penso sia stata un’esperienza positiva. La troupe è stata molto corretta con noi, ma altri fattori ci hanno giocato contro.
    Ho visto le stesse persone che sabato pomeriggio erano sorridenti e felici a Venezia, dover subire la tristezza del salotto televisivo italiano e le sue provocazioni. Voglio ringraziare il centinaio di persone che sono venute a sostenere l’indipendenza veneta, anche se il format non lasciava spazio al nostro messaggio, e provocava la nostra consueta serenità,
    Questo non è un mezzo di comunicazione che fa per noi, però con mia grande sorpresa l’impatto divulgativo c’è stato, a giudicare dalle mail ricevute solo questa serata. Per esempio, abbiamo motivato dei friulani che ci hanno scritto a intrapprendere il nostro stesso percorso perché prima della trasmissione e del suo servizio non conoscevano Indipendenza Veneta e la nostra via.
    In conclusione, non tutti i giorni possono essere come quello di sabato 6 ottobre. Sarebbe troppo facile. Abbiamo davanti un mese molto intenso e molte altre soddisfazioni ci aspettano.

    1. PS. Non avevo letto tutte le mail. Non solo dal Friuli, ma anche dal Piemonte arrivano richieste di aiuto per intrapprendere lo stesso percorso di Indipendenza Veneta.

      1. Non sempre le robe le va come ke se volarìa.Spetarse ke ‘na television de berlusconi la lasasse fare poco pì de gnente bignarìa forse averlo messo davanti. Comunque tuto insegna. Tuto fà esperiensa. Quei ke non jera veneti i se gavarà domandà “ki xei sti quà”??? Ma de serto ghe xè anca ki ke prima no savea gnanca ke ghe jera i “INDIPENDENTISTI”, e desso i lo sà.Però la figureta de “VENETI POLENTONI” la xe stà fata anca sta volta…….Stemo pi tenti nando vanti. No gavemo mìa a ke fare coi “BOY SCOUTS”. Prima lo imparemo e mejo sarà…….W.S.M.

    2. “Nel complesso non penso sia stata un’esperienza positiva.”

      lodovico me piaxe la xente critica parchè la serca de far mejo.
      vorìa dir la mia, sensa ver la pretesa de essar el dio in tera.

      lasemo perdar interusioni varie inte la traxmision (publicità, canbi de interlocusion, ec.), la tv tajana cusì la xe. se gà da tor al volo chel che i ne gà oferto (anca se limità, ma senpre na ocaxion xe stà).
      alora, la roba che pì la salta a l’ocio a chi che varda, xe la dignità e el saver metar a fogo inte on par de secondi el discorar.
      coesto el xe mancà, fora che do tre parsone.
      mi, co gò sentio le motivasion de’l primo inprenditor trevixan, a me so meso le man intei cavei.
      pa’ carità, le xe legitime ma no in chel contesto e in televixion foresta.
      no podemo essar nialtri a dir “basta discriminasion ai veneti” e pò far el roverso davanti a tuti i tajani.
      coesto el xe sta on autogol.

      pò xe vegnuo vanti morosin e go tirà on sospiro… invese…

      par mi, stando senpre drento IV, busato el xe sta l’unico a ciapar da novo in man le redene.
      no conta se no’l gà finio el so discorso.
      le parole le conta poco co se xnaxa ciaressa de idee e prexensa de spirito. el mesajo (tremasso par i tajani) el ghe xe rivà in studio ma anca a tuti i tajani.
      pa’ coesto i lo gà fermà. mejo cusì. ORO.

      invese, no vi si domandai parchè i lasava parlar chel inprenditor travixan incasà?
      a chi xe che i gha gà domandà el “parchè volè l’indipendensa”? senpre a lu parchè el faxeva spetacolo ai tajani (poareto, mi lo capiso. ma el gà el dente invelenà e no’l riese goernarse).
      el xera deventà la barxeleta de la traxmision.
      eco, i foresti i lassa parlar sensa interusion chi che fa show.
      come’l dixe crisvi “semo cascai inte n’inboscata”.

      nantro inprenditor, ma coesto el me xe piaxù, el xe stà che’l sior dopo de morosin.
      li gà xbuxarai coei in studio.
      ai tajani se gà da tratarli cusì: mi ve sbuxaro e no ve lasso farme pasar a mi par mona.
      grando. anca el spritz xe ndà torse 😀

      na oltima robeta:
      anca se gavì vuo consensi da’l piemonte o coà e là, ste tenti parchè i xe tanti i exaltài.
      mi gavevo dito a i me coleghi de vardar la tv par ver n’idea de cosa fuse IV e l’indipendensa che i vol i veneti.
      ma sta matina i me gà ridesto drìo:
      va là che i xe na manega de exaltai. no i saveva metar do paroe in croxe e i xe raxisti.
      robe cusì.
      se i me coleghi i gà vesto sta inpresion, no vorìa che i exaltai tajani i gapia anca lori capio mal IV e i voja tacarse.

      spero de no verve dexanemà.
      corajo.

      W la Repiovega.

    1. Io sono un giovane e non avevo mai sentito parlare del vostro movimento e se devo esserne sincero nemmeno di un qualsiasi partito indipendentista Veneto.
      Secondo me avete fatto una buona impressione ieri sera finalmente qualcuno che ha detto buone cose con parole forti come quella dell’indipendenza, esprimendo la rabbia che veramente hanno i Veneti dentro. Penso sia finito il tempo di fare i bravi e subire tutto! bisogna andare in tutte le piazze del Veneto e gridare W il Veneto Indipendente! Per me avete risvegliato la coscienza di molta gente, almeno lo avete fatto con me! :))

      1. Bravo Carr,

        Non concordo sul fatto che abbiamo fatto una buona impressione, ma anzi sono critico quanto il nostro segretario.
        Ci siamo lasciati attirare in un’imboscata e ai nostri rappresentanti di Treviso, a parte un imprenditore è stato letteralmente impedito di parlare.

        Comunque ogni azione ha anche dei risvolti positivi.
        Sono certo che qualche centinaio di veneti, saranno interessati a conoscere più da vicino Indipendenza Veneta e la sua strategia per l’indipendenza.
        Ecco perchè il mio ” bravo ” iniziale nei tuoi confronti.

        Per me la trasmissione è impostata male, tre piazze sono troppe, i tempi tecnici interrompono in modo brutale l’intervistato, quando addirittura comunisti ipertricotici, privilegiati ed arroganti, inibiscono con violenza verbale, chi non la pensa come loro, senza neppure essere ripresi o moderati dal conduttore.

        Se avete notato, gli unici che hanno potuto dar fondo ai propri argomenti sono stati unicamente gli ospiti in studio.

        Comunque, gli errori servono soprattutto ad imparare.

        Benvenuto tra noi Carr, contatta il tuo coordinatore responsabile di zona alle voci CONTATTACI – CHI SIAMO e ISCRIVITI.

        Ciao e spero di conoscerti presto.

        Crisvi 🙂

  5. In effetti Anna, Elena e Marta sono tornate a casa con l’amaro in bocca.
    Non vale la pena infierire con il “ve o gaveo dito”, ma comunque questa mattina alcune persone mi hanno chiesto spiegazioni e così ho potuto informarle sul nostro progetto.
    Da parte mia mi sono incazzato e me ne sono andato a letto quando ho visto che hanno tolto il microfono a Giane per lo svenimento della “signora” romana.
    Chi veramente mi scandalizza è Bortoluzzi che vede tutti igiorni lo sfacelo degli artigiani Veneti (per il lavoro che svolge) e ciò nonostante continua a tenere il sacco a Monti, non c’è limite per certi musi!
    All’amico Lodovico dico che non si deve sentire in alcun modo responsabile tanta è la nostra gratitudine e la nostra convinzione che comunque venga sempre dato il massimo

    1. Svenimento ? Oppure scena madre ?

      Mi rilascia molto sospetto, il fatto che in pochi minuti fosse lì anche il rappresentante del municipio di roma, per assicurare il pronto interessamento istituzionale al caso denunciato dall’anziana romana con figlio 42enne a carico.

      Ps : G.Narciso, ricordati di mandarmi la tua mail, per il discorso che abbiamo iniziato a VE con la tua gentile Signora.

      1. no sol che el raprexentante. mi so restà boca verta che l’anbulansa la xera xà là… co chel caxin de sera a roma?
        pol essar, ma no me bala sol che le bale dei oci…

      2. Come al solito quelli del sud sono più svegli. La signora di Roma potrà prendere in giro chi vuole, non me, che di quelle commedie ne ho viste tante. Quando quel giovane cominciava a far un discorso serio, Del Debbio ha mandato la pubblicità, e poi ha dato la parola a qualcun altro. L’unico vantaggio per IV è la pubblicità ottenuta tramite le bandiere che non è poco. Noi veneti purtroppo siamo troppo timidi, ed è per questo che lo prendiamo in quel posto. Pensate che le regioni del sud,con questa crisi, verserebbero a Roma 20 miliardi di euro come fece il Veneto nel 2011? No, non sono così stupidi!

  6. Scusate l’O.T. ma oggi ricorrono due importanti date storiche.
    La prima per la nostra gente Veneta.

    Il 9 ottobre 1963, la società italiana SADE, dopo aver costruito per conto della futura ENEL, una diga sopra la valle del Vajont, ancorata al monte Toc ( traduzione dalla lingua locale ” marcio ” ), con una serie d’errori e imperizie, provocava la cancellazione di interi paesi nel Bellunese. Ricordo in particolare Erto e Longarone, assieme a diversi altri centri abitati.
    La frana di 270 milioni di metri cubi, di rocce e terreno causata dal monte Toc a causa dei lavori d’opera, provoca una valanca d’acqua che in breve tempo provoca circa 2.000 morti e un numero imprecisato di feriti e dispersi.
    Il prossimo anno in data odierna ricorreranno 50 anni dal disastro.

    Un lutto tutto Veneto, a causa di negligenza e pervicacia cervellotica tutta italiana !

    Il secondo è un evento internazionale:

    Il 9 ottobre 1967 a la Higuera ( Bolivia ) muore Ernesto Guevara De La Serna, meglio noto come el ” Che “. Tipica locuzione argentina, che anticipa molti discorsi di questa popolazione latina-sudamericana. Simile per molti versi al nostro ” Ciò ” Veneto.

    Di lui rispetto il suo spirito indomabile e, anche se non condivido nè i suoi metodi, nè le sue ideologie, guardo con ammirazione la sua stoica lotta contro tutto ciò che aborriva.
    Molto noto il suo atto d’accusa pubblico contro il socialismo e la nomenklatura di matrice sovietica.
    Molto meno noto il suo scontro al rientro con Fidel Castro.
    Se non interveniva la carismatica Celia Sanchez i due comandanti avevano già impugnato le pistole, uno fronte all’altro in un remoto aeroporto dell’arcipelago caraibico.
    Celia era l’unica persona al mondo che Fidel non aveva animo di contraddire, come afferma anche il comandante ” Benigno ” in uno dei suoi libri che ho letto .

    http://www.corriere.it/esteri/09_gennaio_25/massimo_nava_che_guevara_tradito_da_castro_b2e6d440-eac8-11dd-9c57-00144f02aabc.shtml

Lascia un commento